Vacanze all’Elba – lo SFA racconta

Il 2 luglio lo SFA di Cascina Biblioteca, quasi al completo, è partito con destinazione: vacanze
all’Isola d’Elba! Da Milano a Piombino con pulmini e traghetto, fino ad arrivare all’ostello di Porto Azzurro. E poi ritorno, il 6 luglio, abbronzatissimi.

Un viaggio meraviglioso, raccontano tutti, da far invidia a chiunque. Le foto lo dimostrano: facce più che sorridenti, entusiaste, di chi ha condiviso un’esperienza divertente e spensierata, tutti insieme. Onde del mare e onde radio, bagni di giorno e scherzi la notte, relitti sott’acqua, pedalò, occhiali da sole e musica, brindisi e birrette… ecco qui a seguire il racconto di Sonia, una delle partecipanti!

“Siamo partiti lunedì, eravamo in tanti e il mio pulmino lo guidava Ezio. 

Andava a velocità massima, 100
all’ora! Durante il viaggio abbiamo fatto un po’ di casino, ma
abbiamo anche dormito. Poi siamo arrivati al traghetto.
La nave era rossa e grandissima. Ci siamo messi in alto e abbiamo
preso il sole.

Poi, ripresi i pullmini siamo
arrivati in albergo. Abbiamo mangiato di tutto e di più ed era tutto
buono. Poi prima di andare a dormire abbiamo giocato a carte. 

Le camere erano grandissime. Nella
mia camera c’erano, oltre a me, Cinzia (che russava), Laura,
Costanza e anche Katia. Ci siamo addormentate subito per la
stanchezza. La notte sentivamo ridere. Erano i
maschi che facevano scherzi assurdi. Ma noi femmine andavamo dai
maschi e aprivamo la porta. Gli ormoni erano al massimo.

Il primo giorno siamo andati in
spiaggia, ci siamo messi la crema per il sole e poi abbiamo fatto il
bagno, Cinzia però no. L’acqua era un po’ fredda e un po’
calda ma limpida. La sabbia scottava e la spiaggia era libera. Il
pranzo era in spiaggia e siamo rimasti al mare tutto il giorno. 

Con Antonio andavamo d’accordo e
voleva sempre stare vicino a me… La sera chiacchierava sempre e non
mi lasciava andare a dormire.

Un altro giorno siamo andati in
barca a vela. Tutti su una barca sola. Ogni tanto si fermava  e
abbiamo fatto i tuffi anche nell’acqua alta. Io mi sono buttata con
il salvagente. Abbiamo visto i fondali e tanti pesci colorati. Per
pranzo c’erano i panini e anche il vino ma io non l’ho bevuto
perché non volevo. Durante il giro in barca abbiamo
visto la Grotta Azzurra. Chi voleva poteva fare il bagno ma qualcuno
ha visto una medusa. Dopo siamo andati al relitto di
una nave sott’acqua. Si poteva vedere solo facendo il bagno. Forse
era una nave dei pirati, ma non sono sicura.

Un altro giorno abbiamo preso un
pedalò e mi sono buttata ma dove si toccava. I maschi pedalavano e
le femmine stavano sdraiate a prendere il sole. Abbiamo fatto un po’
per uno.

Qualche sera abbiamo preso il
gelato e una sera siamo stati in pizzeria. Un giorno siamo stati sulla
spiaggia di Porto Ferraio. I bagni erano fuori e anche le
docce, per maschi e femmine separati. Ogni tanto ci si spiava. 

In albergo e non si finiva mai di
mangiare. All’inizio della vacanza
pioveva, poi è arrivato il sole.

All’inizio mi mancavano mamma e
papà ma dopo un po’ di giorni non più. Al ritorno abbiamo preso un’altra
nave a Porto Ferraio e poi i pullmini. Il viaggio è stato corto e mia
mamma è venuta a prendermi.Gli operatori sono stati bravi e
anche loro si divertivano molto.

Se mi è piaciuta questa vacanza? SIIIIIIIIII!!!!!!”

Per Info:

Anna Trenta – anna.trenta@cascinabiblioteca.it

+Copia link

0 Responses to “Vacanze all’Elba – lo SFA racconta”