0221591143

Fare coesione sociale nell’Hub Rizzoli

Bambini/e e adolescenti al centro per Cascina Biblioteca

Assicurare che tutti i cittadini possano accedere ai diritti sociali ed economici fondamentali è una definizione molto semplice di “coesione sociale”, un concetto sociologico complesso che presuppone un’attenzione alla collettività e la consapevolezza di evitare qualunque tipo di discriminazione e disuguaglianza. Il 31 marzo del 2004 il Consiglio dei ministri ha approvato la versione aggiornata della Strategia del Consiglio d’Europa per la coesione sociale, fornendo la seguente definizione: la coesione sociale “è la capacità di una società di assicurare il benessere (welfare) di tutti i suoi membri, riducendo le differenze ed evitando le polarizzazioni. Una società basata sulla coesione è una comunità di sostegno reciproco di individui liberi che perseguono obiettivi comuni dai significati democratici”.

Quando è nato lo spazio in via Rizzoli 47, che ha poi preso il nome di Hub Rizzoli, l’obiettivo di Cascina Biblioteca era quello di creare un luogo di coesione sociale e di aggregazione, un luogo di socialità con attività e proposte per adulti e bambini/e.

Il traguardo è stato raggiunto perché, dopo alcuni anni di attività e continue novità, questo spazio è diventato esattamente ciò che si sperava di creare. Un luogo per bambini e bambine della scuola primaria – ma da qualche mese grazie al CAG frequentato anche da ragazzi e ragazze più grandi – che qui trovano un luogo di aggregazione e uno spazio in cui ogni occasione è buona per fare festa, per attività creative, musicali e culturali. Il tutto con la guida di educatori ed educatrici professionali che gestiscono dinamiche di gruppo e propongono attività pensate per favorire la condivisione in modo attivo e responsabile.

Ogni festa diventa l’occasione per stare insieme: durante il fine settimana di Halloween circa 100 ragazzi e ragazze adolescenti del CAG Riz – Rizzoli Crescenzago, insieme a bambini/e della primaria del Doposcuola gratuito e ai loro genitori, hanno partecipato con entusiasmo alla festa. Un evento che ha richiesto il lavoro e l’organizzazione da parte di Cascina Biblioteca, in collaborazione con Educatori senza Frontiere e QUBI Parco Lambro, per coinvolgere anche le famiglie più fragili del Municipio 3.

Dalle ore 15.00 alle ore 20.00, lo spazio dell’Hub Rizzoli e il quartiere circostante sono stati animati da “paurosi laboratori” per tutte le età, giochi, caccia al tesoro …”trick or treat?!”e trucchi mostruosi!

Non è mancato il laboratorio di lettura animata gestito dalla Biblioteca “Leggermente”, che ha sede proprio in questo spazio, una lettura che raccontava di mostri fantastici per i bimbi/e più piccini, poi quello di “radiografia” per i bambini della scuola primaria e infine quello di trucco horror e scenografico per i preadolescenti e gli adolescenti del quartiere.

È bello vedere che non solo sono tanti i soggetti coinvolti per dare vita ad un luogo di animazione nel quartiere (come i volontari della biblioteca nata “dal basso”), ma è anche particolarmente attiva la partecipazione dei cittadini alle iniziative, come i mercatini del riuso o i momenti di festa. Un luogo dove si creano relazioni e che dimostra che una società coesa è una comunità dove le persone si sostengono reciprocamente, per dare vita a progetti di inclusione e animazione territoriale.

10 novembre 2023

ARTICOLI CORRELATI

© Copyright Cascina Biblioteca Società Cooperativa Sociale Di Solidarietà A R.L. Onlus. All Rights Reserved.
P. IVA 11656010151 IBAN: IT26G0503401751000000024965