0221591143

Il lavoro di cura

Esperienze, emozioni e difficoltà nel lavoro con le persone autistiche

Cosa significa essere educatore/trice o operatore/trice e lavorare con le persone con disabilità e fragilità? Un lavoro intenso, coinvolgente e impegnativo.

Martina, operatrice al CDD Autismo Ferraris di Cascina Biblioteca, ci racconta la sua esperienza dopo qualche giorno di vacanza insieme ad un gruppo di persone autistiche.

“Dopo sei lunghissimi giorni di vacanza coi nostri ragazzi e ragazze del Centro Disabili Autismo, si ritorna a casa. Loro tornano nelle loro case, nella loro routine e noi pure. Tutti ne abbiamo bisogno.

È stata una bella vacanza, con qualche piccolo imprevisto e qualche notte insonne, il lavoro h24 è tostissimo, non hai mai una tregua. Ahimè, abbiamo trovato il sole a tratti: giocava a “ce l’hai” con le nuvole e la pioggia. Le ore e i minuti si sono appiccicati fra loro, è stato un flusso continuo nel tempo.

Abbiamo convissuto insieme nei bungalows, abbiamo condiviso le notti, i turni per lavare i denti, le docce, le colazioni, i momenti difficili, le malinconie, i sogni, il sole e i tuffi in mare, e molto ancora. Torniamo ora insieme sull’autobus, io più distrutta che mai. Ma viva e ricettiva.

I momenti di difficoltà fisica, di stanchezza emotiva e mentale sono stati molti ma preferisco focalizzarmi sulla bellezza di questi cinque giorni, sulla solarità dei sorrisi ricevuti e ricambiati. F. continua a ripetere e urlare “Martina ma vero che ci torniamo a Gatteo mare?”

E questo ti fa capire che quello che fai ha un senso, che genera benessere, che produce aspettative di bellezza. Sono esperienze che i ragazzi e le ragazze autistiche sognano e vogliono vivere ancora. Potrei fare un lavoro diverso da questo?

Forse sì.

Forse no.”

Il lavoro di cura è complesso e chiede molta empatia che è una delle funzioni più importanti dell’intelligenza dell’uomo. Ascoltare, comprendere le emozioni e i bisogni dell’altro/a, attraverso semplici parole o gesti … che accudiscono il corpo e l’anima è ciò che rende questa professione un lavoro di relazione intenso, ricco e gratificante.

4 luglio 2023

A CHI SI RIVOLGE?