0221591143

Osteopatia al centro diurno Mixite’

Un progetto che contribuisce al benessere dei minori con disabilità

Alla fine dello scorso anno, Mixitè ha avviato un nuovo percorso dedicato ai minori con disabilità che frequentano il centro diurno, grazie alla presenza di Giulia e Beatrice, due osteopate che da tempo lavorano con soggetti con disabilità psichiche e fisiche. Dal 2019 collaborano con diverse associazioni in Lombardia eseguendo trattamenti osteopatici a 4 mani in soggetti di ogni fascia di età con disturbi del neurosviluppo, in particolare con disturbo dello spettro autistico. Le due professioniste forniscono un supporto per le problematiche più comuni tra cui stitichezza, cefalea, disturbi del sonno, iniziando a lavorare per abituare le persone ad un approccio positivo al “tocco”.

“Abbiamo iniziato in un’associazione milanese come volontarie e vedendo i risultati e ricevendo riscontri positivi dai genitori e dai ragazzi, abbiamo deciso di approfondire le nostre conoscenze con il desiderio di fare i nostri trattamenti a più persone possibili. Così, abbiamo dato vita al progetto POTENCY” raccontano le giovani osteopate.  Tramite trattamenti osteopatici puntiamo a sostenere la salute di ciascun individuo, valorizzandone i punti di forza e non focalizzandoci sulla disabilità. A novembre è iniziato il nostro viaggio di osteopate volontarie insieme a Mixitè. Ad accoglierci abbiamo trovato gli sguardi curiosi dei ragazzi che ci scrutavano un po’ diffidenti mentre cercavano di capire cosa stessimo facendo, altri ci hanno accolto con tante domande. Un gruppo eterogeneo e, assolutamente, una bella sfida per noi!” raccontano Giulia e Beatrice.

Inizialmente, come per ogni nuovo inizio che si rispetti, non è stato semplice trovare la chiave di accesso per instaurare un rapporto con i ragazzi e ragazze. La prima è stata una fase di conoscenza, di comprensione e accoglienza delle richieste. Questo ha permesso di scoprire un mondo alcune volte troppo silenzioso e altre volte troppo caotico, ma sicuramente unico e magico. La musica ha aiutato molto a creare l’atmosfera giusta e a rilassare i giovani: musiche dei cartoni animati o di gruppi musicali diversi, come – inaspettatamente – i Nomadi e i Pinguini Tattici Nucleari.

Anche i racconti di animali, di luoghi magici, i balli insieme ai giovani hanno aiutato a lavorare sulla mobilizzazione di gambe e braccia, quando necessario. Hanno improvvisato caschetti immaginari per approcciare al cranio senza provocare fastidio. Si sono divertite ad entrare nei mondi dei giovani con l’obiettivo di fargli godere dei benefici che il trattamento osteopatico può fornire.

“Ad oggi tutti i ragazzi accettano con entusiasmo il momento del trattamento e siamo davvero soddisfatte dei risultati ottenuti. Abbiamo notato come il loro approccio al tocco sia notevolmente migliorato, come il trattamento osteopatico offra loro un momento di rilassamento in cui si alleviano le tensioni (spesso si addormentano), come la postura stia pian piano migliorando, le tensioni addominali stiano diminuendo e siamo certe che tutto questo possa generare un miglioramento generale della qualità della loro vita. Siamo molto felici di essere entrate a far parte della realtà di Cascina Biblioteca e il nostro augurio è quello di far conoscere a più persone possibili i benefici dell’osteopatia e il progetto POTENCY” concludono le giovani osteopate.

Per maggiori informazioni e contatti sul progetto, scrivere a:

22 gennaio 2024